Opere – La processione

FacebookTwitter


la processione

La processione

(1894-95)
olio su tela, cm 84×155
Milano, Museo della Scienza e della Tecnica


Il soggetto, tratto dal vero, è ambientato nei pressi della casa dell’artista, verso il viale che porta al cimitero, e si ricollega a un filone della pittura europea attento a documentare usi e costumi popolari. Ma Pellizza sviluppa il tema privilegiando più che gli aspetti anedottici o descrittivi il rapporto di pacata armonia tra uomo e natura, come lui stesso scrive nel 1897: Fu il viale ombrato dai pioppi che fè sorgere in me l’idea della Processione perchè appunto mi pareva che niun altro soggetto sarebbe stato più adatto in quel luogo in quell’ora… è questo il primo quadro che feci col sistema di pittura a divisione: incominciato nel 1892 non mi fu dato terminarlo che per la prima internazionale di Venezia [del 1895]: volendo compulsare la natura direttamente non vi lavorai che pochi mesi all’anno. …Il divisionismo non mira che ad una rivoluzione tecnica consistente semplicemente nel sostituire a colori mescolati colori divisi perchè in tal modo noi seguaci di esso crediamo di poter avvicinare le vibrazioni della luce…

Aurora Scotti, Pellizza da Volpedo. Catalogo generale, Milano 1986, scheda 895 (testo ridotto)